CHE BEL VIOLA CAROTA!

Sono adorabili! Le ho trovate al super, e ho detto: “Ma cosa sta roba qui?”…..Carote!!!

E pensare che in origine erano proprio così. E’ stato strano cucinarle…mi sembravano barbabietole…e alla fine avevo le mani blu!

Nota: questa ricetta è stata gentilmente offerta dagli chef dell’ecommerce di prodotti alimentari italiani Gusti Del Sole.

Ma buone, buone, buone e dicono che fanno anche tanto tanto bene!
Quindi frullatino di carote per una dieta sana!

INGREDIENTI (X2)

  • 4 carote viola (grandi)
  • 1 ciuffo di cavolfiore verde
  • 1/2 litro di brodo vegetale
  • carote arancioni a julienne

Fate bollire le carote nel brodo insieme al cavolo. Quando sono morbide frullatele. Se volete potete aggiungere delle foglioline di basilico. Servite con delle carote arancioni tagliate a julienne per guarnire!

VERDUROMANIA

Non sono sparitaaaaaaaaa!!! Invece un po’ sì:(
Risucchiata dal lavoro….il fatto di non avere un archivio di post da sfruttare in caso di necessità causa luuuuungheee e fastidiose assenze…..fffffff.

I miei pellegrinaggi al supermercato però continuano, mi portano a curiosare nel banco frigo e questa volta il presceltolui-l’eletto è stato il Daikon. Questo carotone bianco molto simpatico.
La cosa è andata più o meno così :”Ma cos’è sta roba qua?…bo…d a i k o n….bo…proviamo!

La mia completa ignoranza in fatto di verduroni asiatici è abissale, sicuramente tutti sanno cos’è il daikon, magari è nei nostri supermercati da anni…e io invece mi accorgo della sua presenza solo ora, quanta-poca-attenzione:))))))

INGREDIENTI x2

  • 1/2 daikon
  • 1 patata grande
  • 1+1/2 confezioni di panna
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1/2 cipolla piccola
  • 2 foglie di alloro
  • 1 alga kombu
  • pan grattato
  • olio extra vergine d’oliva

Tagliate il daikon a fette sottili, salatelo e fate scolare l’acqua.
Fate cuocere la cipolla tagliata sottile nella panna con l’alga kombu. Fate bollire, poi togliete l’alga e aggiungete l’alloro. Fate cuocere qualche minuto e salate.
Tagliate la patata a fette sottilissime.
Preparate gli stampini monoporzione con olio e pan grattato. Poi iniziate con gli strati.
Prima 1 o due fettine di patata, poi la panna e poi il dikon e così via, riempite gli stampini.
Fate cuocere in forno a 180° per 30 minuti, ma controllateli.
Capovolgeteli e serviteli.

I SALUMI DEL FRANTOIO A CASA CELLETTI

Rieccomi! Oggi voglio parlare della splendida serata che ho trascorso grazie ai salumi del Frantoio.

Salumi del Frantoio uniscono il gusto per la tradizione culinaria italiana a moderne tecnologie, per offrire una linea di alimenti gustosi e, allo stesso tempo, nutrizionalmente bilanciati. Il Frantoio Gentileschi ha voluto far testare i suoi prodotti alle foodblogger, organizzando una serata indimenticabile.

Il tutto si è svolto nel ristorante sui navigli del Sig. Celletti.

Posso solo dire che se volete passare una serata davvero particolare dovete fare un salto in questo ristorante, imparerete a degustare l’olio attraverso un gioco divertente. La vera anima del ristorante sono il Sig. Celletti e sua moglie, due persone splendide:)

Sono stata contattata da Francesca, che ha coordinato perfettamente la serata, per dare qualche suggerimento sulla foodPhotography alle foodblogger invitate!! E’ stato davvero emozionante e devo dire che ho avuto il piacere di conoscere ragazze fantastiche, proprio una bellissima atmosfera!

Spero di aver dato consigli utile da mettere in pratica!

Una serata abilmente mixata da informazioni inedite, assaggi di prodotti  rivoluzionari, abbinamenti audaci e ricette provenienti dal mondo della tradizione culinaria italiana più antico…. per chi fa del cibo una passione e un’arte.